Chiamata anche chirurgia micrografica di Mohs, è impiegata per trattare il cancro della pelle. Questo tipo di intervento ha un vantaggio unico: durante l’intervento il chirurgo può vedere fino a che punto arriva il cancro. Questo non è possibile con altri tipi di trattamento per il cancro della pelle. La capacità di vedere dove si ferma il cancro dà alla tecnica di Mohs due importanti vantaggi

  1. Ha un alto tasso di guarigione.
  2. Permette di avere una pelle sana priva di cellule cancerogene. Ciò è particolarmente importante quando il cancro della pelle si sviluppa in un’area con poco tessuto, come ad esempio palpebra, orecchio o mano.

 

Dove si esegue?

Durante l’intervento di Moh, la maggior parte dei pazienti rimane sveglia e vigile. Ciò significa che Mohs può essere tranquillamente eseguito in uno studio medico o in una sala operatoria. L’intervento è indolore e viene effettuato in anestesia locale.

 

Quando è raccomandabile la chirurgia di Mohs?

La tecnica Mohs è la chirurgia raccomandata per i tumori cutanei, come il carcinoma a cellule basali (BCC) o il carcinoma a cellule squamose (SCC). Mohs è assolutamente consigliata quando il tumore è aggressivo o di grandi dimensioni. Mohs è indicato anche nella rimozione del melanoma in fase superficiale. I pazienti trattati con questa tecnica hanno buoni risultati. Inoltre ha un alto tasso di guarigione e il chirurgo plastico rimuove la minore quantità di cute necessaria per guarire il cancro della pelle.